Yin Yoga

Yin Yoga – la forza passiva

Che cos’è

Lo Yin Yoga affonda le sue radici nell’antica pratica dello yoga. Prende a modello la visione taoista della Yin e dello Yang, del ritrovare equilibrio tra forze opposte e complementari che esistono in natura. Tutti gli aspetti nel creato sono divisibili in questi due principi. Anche le parti del corpo umano sono divisibili in caratteristiche yin e yang.
Il muscolo ha una natura yang, risponde bene a movimenti yang ritmici e movimentati.
Tendini, cartilagini, ossa, tessuto connettivo, fasce, sono rigidi, duri o poco flessibili hanno una natura yin, rispondono bene a movimenti lenti e profondi.
Lo Yin Yoga è quindi uno stile di yoga che lavora sulla parte profonda, interna, yin del corpo, con un atteggiamento Yin ossia allungamenti profondi, tenuti a lungo
Le asana nello Yin Yoga sono pose passive, che lavorano a livello profondo.
E’ un a pratica gentile, dove le posizioni si tengono passivamente, quindi con i muscoli disattivati, uno stile tranquillo, calmo, ristorativo.

Come si svolge

Prima fase

Differentemente da altri stili, la lezione parte con una meditazione, per predisporsi nel giusto modo alla lezione. La meditazione guidata è in posizione seduta

Seconda fase

Esercizi specifici di prāṇāyāma,: consistono in diverse tecniche respiratorie che servono a regolara ill respiro. Più il respiro è profondo e lungo, più ci si assicura salute e longevità.
Respirazione e meditazione, sono la parte preparatoria alla tenuta delle asana successive.

Terza fase

Si lavora coi muscoli “freddi”, non c’è quindi molto riscaldamento prima delle asana.
Durante le lezioni le posizioni si tengono dai 3 ai 5 minuti l’una. Durante la posa, si è guidati dall’insegnante a lavorare con il respiro; gli esercizi specifici di prāṇāyāma potrebbero essere oltre che iniziali, anche abbinati anche alle asana.
Con lo Yin Yoga si esplora la posa; attraverso l’ascolto della posizione e del respiro, ci si ascolta fisicamente cercando di vivere la posizione che fa stare bene e non procura dolore o tensione. La posizione deve essere allungata ma non forzata, l’aiuto deriva dal respiro che l’accompagna e dalla forza di gravità, l’arrendevolezza alla terra.

Yin Yoga
Designed by yanalya / Freepik

Entrati comodamente nell’asana, progressivamente si scende nella profondità della propria coscienza. Si manteniene alta l’attenzione al flusso dei pensieri. Attraverso la calma del respiro e l’occhio interno della mente, si sviluppa l’attenzione ai movimenti automatici dei pensieri, alle reazioni ed emozioni che suscitano le singole asana.
Lavorare costantemente sull’ascolto sviluppa consapevolezza, col tempo ogni posa porterà con sè un atteggiamento meditativo.
Praticare Yin Yoga significa essere consapevolidi quello cha ci accade all’interno, sia da un punto di vista fisico che mentale.
Le asana si riflettono su un meridiano energetico che governa un’emozione: paura, rabbia, preoccupazione, gioia, tristezza.
Attravero la tensione lungo le linee dei meridiani, creiamo spazio: a livello fisico spazio di allungamento, respiro; a livello interiore, nell’immobilità, creiamo spazio per realizzare noi stessi, l’accettazione di ciò che siamo.

Quarta fase

Shavasana, importantissima posizione di rilassamento finale. Ha molteplici effetti benefici, in primisi l’immobilità che fa placare la mente.
E’ l’ultima fase della lezione Yin Yoga, è la profondità, il riposo meditativo. Il corpo si radica a terra, nell’abbandono si assimilano e fissano negli strati più profondi tutti gli effetti benefici ricevuti e “registrati” e durante la pratica, stabilizzando tutto il lavoro energetico delle asana e del respiro.
Shavasana è la connessione alla consapevolezza, il momento in cui emerge naturalmente il brillare della coscienza, la luce della comprensione.
Si comprende e si accetta la propria vera natura, ci si connette con il proprio spazio interiore, libero dall’aspetto mentale giudicante. Se non si cede al sonno, è lo sbocciare della pace gioiosa, in uno stato di neutralità, affiora la sensazione luminosa di profondità e spazio nella propria sfera interiore.

A Chi è rivolto

Per chi vuole semplicemente stare bene.
Per chi cerca nella pratica yoga gli aspetti di spiritualità, energie e presenza.
Per chi desidera che la sua pratica yoga abbia anche un percorso introspettivo.
Per chi ha già praticato stili di yoga più yang ed è alla ricerca di pratiche più tranquille, interiori.
Per chi desidera bilanciare pratiche dinamiche
Sono pratiche avanzate di yoga, per quanto statiche non sono facili. E’ possibile anche per i principianti approcciarsi a questa pratica, la variabile è l’aiuto di alcuni strumenti (cuscini, mattoncini) e la durata della tenuta della posizione che è inferiore.
Questo corso è pensato per tutti i livelli.

Benefici

Può essere praticato da chiunque, a prescindere dall’età, dal livello di flessibilità o di cammino nello yoga.
Per la salute generale ed equilibrio energetico che allontana stress, tensioni e porta un rilassamento profondo.
Ogni posa è una possibilità di meditazione, di focalizzarsi emozionalmente e sciogliere blocchi emotivi o emozioni forti che non permettono serenità.
Lo yin yoga porta a galla emozioni bloccate nel corpo che, non elaborate, creano ristagni. Attraverso il prāṇāyāma, durante le asana, riequilibriamo il sistema nervoso autonomo che sblocca queste emozioni, permettendoci di vivere liberamente, allontanandoci dai disequilibri energetici.
Hanno beneficio i tendini, legamenti, ossa e articolazioni, prevenendo e curando lesioni e dolori, donando flessibilità in tutto il corpo.
L’esplorazione nell’immobilità permette di conoscerci profondamente, si diviene sempre più consapevoli del proprio respiro che lezione dopo lezione diverrà più profondo.
La parte meditativa dello yin yoga aumenta le frequenze delle vibrazioni del corpo, accordandoci con le frequenze del cuore.
Lo yin Yoga porta la pace nel cuore.

Frequenza

Come si partecipa

A Rodano: 1 Lezione settimanale il giovedì dalle 19.00 alle 20.00 da Settembre a Giugno
A Segrate: 1 Lezione settimanale da definire da Settembre a Giugno.
Materassino, coperta, 2 mattoncini, abbigliamento comodo

Foto by yanalya / Freepik